Missione
Missione
«La Congregazione, ponendosi al servizio della Chiesa, resta fedele alle finalità indicate dalla Madre fondatrice ed orienta l'espletamento del suo mandato apostolico verso l'evangelizzazione e quelle attività di promozione umana che meglio traducono la carità, la solidarietà ed il rispetto della persona.
Daremo ad ogni nostro servizio un contenuto pastorale: l'annuncio dell'amore di Dio per tutti gli uomini e del posto della Vergine nel piano della salvezza» (Costituzione SMR, art. 77).
Le Serve di Maria Riparatrici, alla luce del proprio carisma, partecipano alla missione evangelizzatrice della Chiesa. Sono impegnate a percorrere le strade che privilegiano gli "ultimi", a promuovere l'inculturazione della fede evangelizzando le diverse culture, a favorire l'ecumenismo e il dialogo interreligioso, contribuendo ad annunciare Cristo a tutte le genti, nella logica evangelica della gratuità.
Le comunità sono aperte a pluralità di forme di vita e di servizio e cercano di rispondere alla loro vocazione di "umile servizio" dedicandosi, nelle varie nazioni, all'evangelizzazione e alla promozione umana negli ambiti dell'educazione, del servizio socio-sanitario, dei progetti di solidarietà, dell'ospitalità, della pastorale, dell'animazione nei santuari mariani e nei centri di spiritualità.
 
Premio in Acre alle Serve di Maria Riparatrici: 
 

Il 9 marzo 2017, a Rio Branco (Acre-Brasile), si è svolta un’importante cerimonia, con la quale lo Stato dell’Acre, rappresentato dal suo Governatore, dr. Tião Viana, ha voluto esprimere la propria riconoscenza per il servizio prestato dalle Serve di Maria Riparatrici in questi quasi 100 anni di presenza nel Paese.

Il Governatore ha conferito alle Serve di Maria Riparatrici, nella persona di madre M. Nadia Padovan, priora generale, l’ORDEM DA ESTRELA DO ACRE, la decorazione maggiore che il Governatore può dare. Erano presenti il Vescovo della diocesi di Rio Branco, mons. Joaquín Pertíñez Fernández, la primeira-dama dello Stato dell’Acre, sig.ra Malúcia Cândida, la Cancelliera, sig.ra Flora Valladares, la vicaria generale delle Serve di Maria Riparatrici, sr. M. Augusta de Oliveira, la priora provinciale, sr. M. Angélica Martins, e molte altre sorelle Serve di Maria Riparatrici.

È stato un momento molto emozionante per la commossa gratitudine che il popolo acreano ha voluto così esprimere per quanto le Serve di Maria Riparatrici hanno donato al Paese, fin dal loro arrivo il 14 novembre 1921 a Sena Madureira, realizzando molte attività in campo educativo, socio-sanitario e nella pastorale, in fedeltà al Vangelo e ai valori della cultura locale.

 

Nell’occasione è stato anche presentato il libro «Servas de Maria Reparadoras. Vivências missionárias no Acre», di sr. M. Regina Molinetti e sr. M. Marinella Brizzi, che hanno raccontato la vita e il contributo alla storia dell’Acre delle Serve di Maria Riparatrici, fin dal loro arrivo a Sena Madureira. La seconda parte del libro presenta la figura di sr. M. Juliana: «for desabrochada no sertão nordestino», Serva di Maria Riparatrice, recentemente scomparsa e testimone, da bambina, dell’arrivo delle prime missionarie. Il Governatore ha premiato con una decorazione dello Stato dell’Acre sr. M. Marinella e sr. M. Regina, per il servizio svolto per il bene del Paese.