Indice degli argomenti - Missione - Solidarietà
Solidarietà
Solidarietà
La nostra Congregazione, fin dalle origini, nel cercare ed amare prima di ogni cosa Dio e quindi il prossimo, si è dedicata a molteplici servizi apostolici nel campo socio-sanitario e di promozione umana (cf Cost SMR art. 5). Dopo il Concilio Vaticano II, ha rinnovato le motivazioni di tale impegno e si è inserita più profondamente e consapevolmente nella Chiesa, facendo proprie le parole del Concilio: «Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d'oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore» (Gaudium et spes,1).

Oggi, in sintonia con la dottrina sociale della Chiesa, intende impegnarsi ad essere testimone dell'amore di Dio nelle relazioni, nell'accoglienza del povero e del bisognoso, nell'impegno per un mondo più giusto, pacifico e solidale, nella difesa coraggiosa e profetica della vita e dei diritti di ogni donna e di ogni uomo, particolarmente di chi, in diverse forme, è emarginato, nella custodia di tutte le creature e nella salvaguardia del creato.

Questo impegno di servizio è vissuto dalle Serve di Maria Riparatrici secondo il proprio carisma così proposto nell'epilogo delle Costituzioni: «Nel nostro impegno di servizio e di riparazione la figura di Maria ai piedi della croce sia la nostra immagine conduttrice. Poiché il Figlio dell'uomo è ancora crocefisso nei suoi fratelli, noi, le Serve della Madre, vogliamo essere con Lei ai piedi delle infinite croci, per recarvi conforto e cooperazione redentrice» (Cost SMR art. 269).

Ogni sorella vive cercando, nell'esperienza quotidiana, l'alfabeto per comporre le parole con le quali ripresentare al mondo l'amore infinito di Dio, ed ogni comunità, nel proprio servizio, dà spazio alla dimensione caritativa nelle sue varie espressioni, imparando a riconoscere la presenza di Dio nell'affamato e nell'assetato, nello straniero e nel carcerato, nell'ammalato e in ogni bisognoso, e rivolgendo lo sguardo a Maria, la Mater caritatis, per apprendere da lei come porsi accanto a chi soffre, a chi è solo, emarginato, sfruttato. Ci sono poi comunità che hanno prevalentemente il mandato di servizio agli anziani, ai malati, a mamme in disagio e a donne sfruttate. Esse, mettendosi alla scuola dei poveri e degli ultimi, ne condividono la vita e cercano, con la grazia di Dio, di far sì che «abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza» (Gv 10,10).

 

 
Indice degli argomenti - Missione - Solidarietà