Istituto Suore Serve di Maria Riparatrici
CASA FAMIGLIA "MADRE MARGHERITA"
Via Beltrami Scalia, 35 / int. 13 - 00156 Roma
Telefax 06.40501832 - Cell. 348.7238034
E-mail ermamarinelli@tiscali.it

destroindietrohomesinistro


   La Congregazione delle Serve di Maria Riparatrici nell'intento di realizzare la fedeltà al proprio carisma e in risposta alle sollecitazioni della società e della Chiesa di porsi a servizio delle fasce più deboli della popolazione, fin dall'anno 2000, ha avviato e condotto un Centro di accoglienza per nuclei madre/bambino e donne vittime di tratta, a Roma, in collaborazione con un altro Istituto; nel 2008 ha eretto la Casa famiglia "Madre Margherita" per donne in difficoltà, anche con figli minori, che si ispira ai valori umani ed evangelici dell'accoglienza, della solidarietà, della condivisione e della giustizia. L'équipe pone al centro dell'azione educativa la persona con la sua dignità e libertà, con il suo potenziale di autorealizzazione; crede che essa, con le sue risorse e i suoi limiti, sia costruttrice della propria vita, della storia e della società. Riconosce che ogni persona è amata da Dio ed è chiamata a realizzarsi in pienezza.

   La Casa famiglia offre alle donne e ai loro figli un'abitazione ospitale e confortevole, un clima di famiglia, uno stile di condivisione e di responsabilità, un sostegno psicologico, un aiuto per la cura e la crescita sana e armoniosa del bambino. Un ambiente di vita che rispetti la cultura di provenienza e che favorisca l'inclusione sociale.

   La Casa famiglia "Madre Margherita" ha sede a Roma, in via Beltrami Scalia, 35 int. 13 e int. 9, adiacente alla fermata di Rebibbia, Metro B, zona ricca di servizi sia pubblici che commerciali. La collocazione nel quartiere di Ponte Mammolo, sulla Tiburtina, permette di fruire facilmente dei servizi territoriali e favorisce l'integrazione nel contesto sociale. Il territorio offre più possibilità di: asilo nido, scuola materna, scuola primaria e secondaria di primo grado; offre inoltre molte possibilità di vita all'aria aperta e contatto informale con la natura, parchi giochi, palestre, piscine ed altri spazi per attività sportive, formative e ricreative.

   La struttura è in possesso di tutti gli standard gestionali e strutturali previsti dalla normativa Nazionale e Regionale in vigore (l.r. n. 41/2003) in tema di strutture residenziali accreditate.

   Nel tempo di permanenza della donna e del bambino si pone attenzione affinché la persona possa: vivere e sentire la casa come ambiente familiare che ha a cuore la sua situazione personale e familiare; acquisire serenità e sperimentare relazioni positive fondate sulla fiducia; essere partecipe e responsabile del proprio progetto e futuro nella misura e con le modalità che per età e capacità psicologiche e relazionali è in grado di comprendere e accogliere; vivere il contesto sociale esterno, il territorio, la scuola, il lavoro, le associazioni sportive e ludiche, per essere in una dimensione sociale sempre nuova e arricchente; per la donna, acquisire sempre nuove autonomie in senso di capacità di relazione, di gestione dei rapporti sociali, sotto il profilo lavorativo e alloggiativo.

   Oltre all'ospitalità all'interno della Casa famiglia vi è la possibilità di usufruire di appartamenti, in cui possono essere ospitati nuclei o ragazze, per un tempo concordato e contribuendo alle spese in misura proporzionata alle proprie capacità reddituali. (cf Carta dei Servizi).